Croazia

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

CROAZIA

 

Croazia vino reportIl Mercato del VINO in CROAZIA
Report 2023


Formato: PDF
  Prezzo: Euro 40
Codice prodotto: CRO23REP
Pagine: 65
Stato: disponibile

Indice: Dati generali - Rischio paese - Quadro macroeconomico - Il mercato del vino: caratteristiche principali - La produzione nazionale - Import-Export di vino - Consumo - Dati e statistiche - Normativa di settore - Norme sull’importazione di vino e bevande alcoliche  - Tariffe e barriere doganali - Etichettatura prodotti - Distribuzione commerciale - Canali di vendita del vino - Catene della Gdo (grande distribuzione organizzata) - Settore Horeca (Hotel restaurant and catering) - Negozi specializzati - Formazione dei prezzi  - Comportamento dei consumatori - Tendenze e prospettive - Strategie di entrata nel mercato croato - Fiere di settore - Mass media di settore - Indirizzi utili.

 

 

 Croazia vino databaseIl Mercato del VINO in CROAZIA
Database 2023

Formato: Excel
Prezzo: Euro 30
Codice prodotto: CRO23DB
Numero riferimenti: 95
Stato: disponibile

Elenchi, in formato Excel, completi di: nome, ragione sociale, tipologia commerciale, indirizzo, città, telefono, fax, sito web, e-mail, altri dati e informazioni utili di: Importatori - Distributori - Grossisti - Catene della Gdo (Grande distribuzione organizzata) - Operatori settore Horeca - Negozi specializzati al dettaglio e online - Ristoranti di cucina italiana

 

 

 

 

Il MERCATO del VINO in CROAZIA  Report + Database a soli Euro 56
(sconto del 20%)

Per acquistare inviate una e-mail all'indirizzo:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

indicando i Vostri dati: Nome e/o Ragione Sociale, indirizzo, città, e-mail, eventuale recapito telefonico, Partita Iva o Codice Fiscale e il codice del/dei prodotto/i richiesti.

 

 

IL MERCATO DEL VINO IN CROAZIA
(Breve introduzione)

La Croazia ha sofferto molto per le conseguenze della crisi economica internazionale del 2008 che portò il paese in piena recessione, ma dal 2015 l’economia ha cominciato a riprendersi anche se la disoccupazione resta elevata. Il paese dal 2013 è entrato a far parte dell’Unione Europea ma non dell’area Euro.
La Croazia è un discreto produttore di vino e il settore vitivinicolo è un segmento importante dell’agricoltura e dell’economia croata.
Esistono nel paese antiche tradizioni di coltivazione della vite e di produzione di vino sin dall’epoca greco-romana, tuttavia la principale bevanda alcolica del paese è la birra il cui consumo è quattro volte superiore a quello del vino. Comunque anche i consumi di vino sono elevati, in media si stima siano di ben 28 litri pro capite all’anno.
Ci sono nel paese più di 29.000 ettari vitati con una produzione di ben 188 milioni di tonnellate d’uva e 130 milioni di litri di vino. Ci sono due principali aree di produzione vinicola quella continentale e quella litoranea. La prima area che va dal nord-ovest alle zone orientali attorno al Danubio, sino al monte Fruška, dove prevale un clima mitteleuropeo. La seconda zona è quella mediterranea che va dalle coste dell’Istria a nord fino alla zona di Dubrovnik e arriva al confine meridionale, lungo tutta la costa adriatica. All’interno di queste due macroaree si distinguono diverse microzone con caratteristiche climatiche differenti e quindi con una varietà di vitigni coltivati e di vini prodotti veramente notevole. Ci sono più di 1.200 tipi diversi di vino. Circa il 70% della produzione nazionale riguarda vini bianchi. Per ciò che riguarda il consumo invece il 60% è di vini bianchi e il 40% di rossi.
La legislazione che riguarda il settore vinicolo si è uniformata a quella dell’Unione Europea.
Fino all’inizio degli anni Novanta i consumatori croati non avevano grandi possibilità di scelta per cui consumavano prevalentemente vini locali o provenienti da altri paesi della Federazione Jugoslava o dell’Est Europa. Dopo l’indipendenza del paese il mercato si è aperto e hanno cominciato a penetrare anche vini stranieri.
Le importazioni nel 2019 ammontavano a circa 25 milioni di litri in prevalenza provenienti da ex regioni della Federazione Jugoslava, oggi diventate Stati indipendenti: Macedonia, Serbia, Italia, Bosnia-Herzegovina e poi tutti gli altri.
Allo stesso tempo la Croazia esporta vino prevalentemente verso Bosnia-Herzegovina, Germania, Repubblica Ceca e Slovenia.
Il principale canale di distribuzione del vino sono le catene della GDO (Grande distribuzione organizzata), seguito dal settore HoReCa (Hotel, Restaurant & Catering).
Negli ultimi 20 anni anche in Croazia si è sviluppata una distribuzione commerciale modernamente organizzata, basata quindi sempre più sulle catene della GDO, a scapito del piccolo commercio tradizionale. Sono anche arrivati i grandi gruppi della distribuzione soprattutto tedeschi e francesi: BillaMercatorMetro, ma anche alcuni italiani come Ipercoop.
Lo sviluppo del settore turistico che ha potenzialità notevoli considerando le attrattive del paese, basti pensare a zone con l’Istria, tutta la costa Dalmata, le isole adriatiche, porterà a un ulteriore sviluppo anche del mercato del vino. D’altronde la Croazia è meta turistica soprattutto di italiani, tedeschi ed austriaci e la domanda di vini di qualità anche per soddisfare le richieste di questi turisti è in crescita.
Le prospettive per il settore del vino in Croazia sono legate quindi da un lato alla capacità del paese di uscire dalla crisi economica e tornare alla crescita, e, dall’altro, dall’ulteriore sviluppo del settore turistico che può raggiungere performance superiori a quelle attuali.

Per un’analisi aggiornata, dettagliata e approfondita acquistate il Report e il Database.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

Chi è online  

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

   

Analisi Mercati  

   
© ALLROUNDER