Finlandia

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 
Dettagli

FINLANDIA

 

Finlandia vino reportIl Mercato del VINO in FINLANDIA
Report 2023


Formato: PDF
Prezzo: Euro 45
Codice prodotto: FIN23REP
Pagine: 107
Stato: disponibile

Indice: Dati generali - Rischio paese - Quadro macroeconomico - Il mercato del vino: caratteristiche principali - La produzione nazionale - Import-Export di vino - Consumo - Dati e statistiche - Normativa di settore - Norme sull’importazione di vino e bevande alcoliche  - Tariffe e barriere doganali - Etichettatura prodotti - Distribuzione commerciale - Canali di vendita del vino - Catene della Gdo (grande distribuzione organizzata) - Settore Horeca (Hotel restaurant and catering) - Negozi specializzati - Formazione dei prezzi  - Comportamento dei consumatori - Tendenze e prospettive - Strategie di entrata nel mercato finlandese - Fiere di settore - Mass media di settore - Indirizzi utili.

 

 

 Finlandia vino databaseIl Mercato del VINO in FINLANDIA
Database 2023

Formato: Excel
  Prezzo: Euro 40
Codice prodotto: FIN23DB
Numero riferimenti: 119
Stato: disponibile

Elenchi, in formato Excel, completi di: nome, ragione sociale, tipologia commerciale, indirizzo, città, telefono, fax, sito web, e-mail, altri dati e informazioni utili di: Importatori - Distributori - Grossisti - Catene della Gdo (Grande distribuzione organizzata) - Operatori settore Horeca - Negozi specializzati al dettaglio e online - Ristoranti di cucina italiana

 

 

 

 

Il MERCATO del VINO in FINLANDIA  Report + Database a soli Euro 68
(sconto del 20%)

Per acquistare inviate una e-mail all'indirizzo:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

indicando i Vostri dati: Nome e/o Ragione Sociale, indirizzo, città, e-mail, eventuale recapito telefonico, Partita Iva o Codice Fiscale e il codice del/dei prodotto/i richiesti.

 

 

IL MERCATO DEL VINO IN FINLANDIA
(Breve introduzione)

 

La Finlandia fa parte sia dell’Unione Europea che dell’area Euro. Ha una popolazione di circa 5,5 milioni di abitanti con un reddito pro capite molto elevato, superiore ai 46.000 euro annui.
La Finlandia, come tutti i paesi scandinavi, si contraddistingue per l’elevato livello di consumi di bevande alcoliche soprattutto birra e superalcolici a cominciare dalla vodka. Per ciò che riguarda il vino il mercato finlandese è in costante anche se lenta crescita, i consumi pro capite sono ormai di circa 10 litri annui, i consumi totali ammontavano, nel 2019, a circa 64 milioni di litri.
Negli ultimi 15 anni le importazioni di vino sono costantemente aumentate e si è verificato un effetto di sostituzione, cioè si consumano meno superalcolici e si consuma più vino e anche altre bevande più soft come il sidro.
Il mercato del vino, non esistendo produzione locale, è coperto tutto da importazioni, che ammontavano, nel 2019, in valore, a circa 214 milioni di Euro.
I principali esportatori di vino verso la Finlandia erano, in volume: il Cile (17,7% di quota di mercato), l’Italia (15,5%), la Spagna (15,1%), l’Australia (10,5%), il Sudafrica (10%), la Francia (8,7%), e a seguire tutti gli altri.
Se invece guardiamo i dati in termini di valore la classifica si modifica con l’Italia al primo posto (20,4%), Francia (19,6%), Cile (13,3%), Spagna (13%), Germania (7,8%) e a seguire tutti gli altri.
Il 57% dei vini consumati sul mercato finlandese  sono rossi, il 42% bianchi e solo l’1% sono rosati.
Come in altri paesi scandinavi anche in Finlandia esiste, di fatto, un monopolio statale per ciò che riguarda la distribuzione e la commercializzazione delle bevande alcoliche. Le finalità di questo monopolio statale sono sostanzialmente due: la prima di carattere sanitario, l’alcolismo è una piaga sociale e quindi si impone per lo Stato la necessità di controllare la vendita di alcolici con la finalità di ridurre o quantomeno contenere i consumi. La seconda ragione è di tipo fiscale in quanto la vendita di alcolici sui quali grava un’elevata tassazione diventa una fonte importante di entrate fiscali. I due obiettivi in realtà sono piuttosto contradditori e comunque la Commissione Europea ha chiesto alla Finlandia di liberalizzare completamente il settore ma sinora nessun provvedimento in tal senso è stato preso.
Il monopolio statale in Finlandia si chiama Alko Oy ed è gestito dal Ministero della Sanità finlandese. Fondata negli anni Trenta del Novecento questa società ha gestito fino a metà degli anni Novanta in regime di monopolio totale importazione, distribuzione e vendita delle bevande alcoliche. Dal 1995 è stata liberalizzata l’importazione e la distribuzione all’ingrosso ma la vendita al dettaglio è rimasta in mano al monopolio statale che gestisce circa 450 punti vendita in tutto il paese. Circa il 65% del vino venduto in Finlandia si vende attraverso la rete di Alko Oy.
Il sistema con cui Alko Oy sceglie i prodotti da vendere è alquanto laborioso e i produttori italiani sono riusciti a far entrare sinora nel catalogo del monopolio circa 200 etichette diverse.
Per operare sul mercato finlandese conviene fare riferimento a un importatore che oltre a rifornire il canale Horeca, settore liberalizzato  e nel quale si vende circa il 10% dei vini, sia capace anche di piazzare i prodotti presso il monopolio statale Alko Oy. Ci si può anche rivolgere direttamente al monopolio statale, che ha una struttura apposita per la selezione dei fornitori, ma le procedure sono piuttosto rigide e complesse per cui forse conviene appoggiarsi a un importatore o un agente già inserito nel mercato.
Si tenga presente che un altro canale di vendita interessante, per i volumi, è quello delle navi da crociera, soprattutto quelle che collegano tra loro i paesi scandinavi o i paesi baltici, in quanto la vendita di alcolici su quelle navi è esente da tasse.

 

Per un’analisi aggiornata, dettagliata e approfondita acquistate il Report e il Database.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

Chi è online  

Abbiamo 7 visitatori e nessun utente online

   

Analisi Mercati  

   
© ALLROUNDER